Come valutare un preventivo

Come scegliere un fornitore? Come valutare un preventivo e quale scegliere, ve lo siete mai chiesti?


In genere le aziende hanno i propri fornitori, magari da anni, e utilizzano sempre gli stessi per quella tipologia di intervento... A volte accade perchè ci si trova davvero bene, altre perchè nessuno si è mai posto domande e si continua per abitudine.

I preventivi funzionano perchè, oltre a dare una stima di quanto si andrà a spendere, ci fanno capire se il nostro fornitore abituale è davvero competitivo e ci sta dando un ottimo servizio, oppure no. Quindi, indipendentemente da ciò che abbiamo già, vale sempre la pena chiedere ad altri.

Ovvio che un'azienda non può essere impegnata sempre in questo genere di cose, altrimenti non produrrebbe nulla, ma avere una persona all'interno degli uffici, o anche all'esterno, che una volta l'anno controlla i contratti permette di risparmiare fior di quattrini. Nella mia azienda questa è un'abitudine ormai consolidata. In genere viene fatto all'inizio dell'anno.

Tutti noi siamo contattati quasi giornalmente, attraverso il telefono, da aziende che ci propongono offerte dal "mercato libero". Prendetevi del tempo e ricevete chi al telefono vi è sembrato più disponibile e competente. So che può sembrare una seccatura, ma non lo è se lo fate una volta l'anno! Se invece avete ricevuto dei depliant pubblicitari o illustrativi, chiamate loro.

 

Suggerimento

Non gettate via tutte le promozioni che ricevete durante l'anno, conservate quelle che potrebbero interessarvi in futuro e mettetele in una cartellina che all'occorrenza tirerete fuori.


Ma torniamo ai nostri preventivi. L'ideale è farsene fare tre. Di certo saranno differenti l'uno dall'altro, magari talmente tanto da non permettervi di fare un confronto. Ad esempio, nel caso del rifacimento di un pavimento qualcuno potrebbe vendere la posa a ore, altri a metro quadrato. Chiedete che vi vengano fatti tutti nello stesso modo.


Una volta che li avrete ottenuti valutateli tra loro e... NON scegliete il meno caro in assoluto, a meno che non sia tutto chiaro e ben documentato. Prezzi di molto inferiori potrebbero poi riservare brutte sorprese. Naturalmente non si sceglie mai nemmeno il più caro. Alcuni sostengono che optare per chi "sta nel mezzo" potrebbe rappresentare una garanzia.


Nessuno può permettersi di regalare niente e materiali e manodopera... costano.

 

---
Written by: Marina Galatioto
Photo credits | www.poligraficaruggiero.it

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Chiudi