Conto corrente online oppure conto tradizionale?

 

Nella scelta tra l'apertura di un conto corrente tradizionale ed uno virtuale vanno prese in debita considerazione le caratteristiche e differenze che esistono tra queste due tipologie di conti. Vediamone insieme le principali caratteristiche.

Conti correnti online

Il conto corrente online è un tipo di conto che prevede operazioni esclusivamente tramite web.

Questa tipologia di conto ha, rispetto ai conti correnti tradizionali, spese di gestione molto inferiori, con molti servizi gratuiti come la carta di credito, i bonifici, la domiciliazione delle bollette e il libretto degli assegni.

Un altro vantaggio, molto apprezzato, è la riduzione a tempo zero per quanto riguarda l'utilizzo, da parte dei correntisti, dei servizi bancari essendo gestito dal proprio computer, tablet o cellulare, direttamente da casa propria o dovunque ci si trovi, senza la necessità di recarsi in banca.

 

Conti correnti tradizionali

Possedere un conto corrente tradizionale offre la possibilità agli utenti di rivolgersi personalmente agli addetti della propria filiale, incluso il direttore, per ricevere assistenza e consulenza mirata in base alle proprie esigenze.

 

Questa maggiore interazione rende il rapporto utente/banca più diretto, flessibile e spesso è di maggiore aiuto nelle decisione del correntista sui piani di investimento e la gestione dei propri risparmi.

 

Ci sono quindi maggiori servizi per coloro che usufruiscono di un conto tradizionale, come ad esempio la possibilità di fare trading, inserire Riba e RID, fare investimenti in borsa, versare ed emettere titoli di credito come gli effetti bancari.


Un altro aspetto vantaggioso, relativo ai conti correnti tradizionali, è la maggiore sicurezza che offrono, paragonato ai conti correnti online, più soggetti in linea teorica a possibili truffe informatiche.

 

I conti correnti virtuali sono infatti, più soggetti a quello che viene definito phishing: truffa telematica consistente nell'invio di e-mail dove terze persone si spacciano per un istituto di credito o banca, allo scopo di carpire le credenziali (username, password, ecc) al fine di accedere al vostro conto ed effettuare operazioni finanziarie al vostro posto.

Questo rischio oggi è comunque molto limitato, infatti i siti web delle banche e degli istituti di credito, con le loro piattaforme di homebanking, hanno molte protezioni, incluso i generatori di password random che rendono la minaccia di infiltrazioni praticamente nulla.

Di solito infatti non è attraverso il sito web della banca che gli hacker riescono ad infiltrarsi, bensì tramite l'uso di email inviate direttamente agli utenti che, con ingenuità e mancanza di conoscenza, forniscono i propri dati personali rimanendo successivamente truffati.

 

Conclusioni

In conclusione non possiamo affermare con assoluta certezza che un tipo di conto corrente sia migliore rispetto all'altro. Sicuramente esistono delle differenze che tuttavia, negli ultimi anni, si sono progressivamente assottigliate, notando diverse banche "tradizionali" che offrono ai propri clienti il servizio aggiuntivo di home banking, ovvero la possibilità di operare sia in remoto (da computer) sia recandosi fisicamente in filiale.

 

E, allo stesso tempo, sempre più banche nate come “online” provvedono ad ampliare la propria rete attaverso l'apertura di filiali sul territorio per cercare di offrire anche un servizio diretto e personalizzato ai propri clienti.

 

A voi la scelta!

 

 

---
Written by: Riccardo Penati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Chiudi