Ventilatore e Condizionatore: come sceglierli

 

L'installazione e l'uso di un valido sistema di climatizzazione, all'interno della propria abitazione o del proprio ufficio, è indispensabile nel periodo estivo, soprattutto quando il caldo diviene eccessivo.

Esistono varie tecnologie che si indirizzano a ciò, dal semplice ventilatore fino ai più sofisticati sistemi di condizionamento e climatizzazione.

Il Ventilatore

Il ventilatore è un dispositivo costituito da un numero variabile di pale, fissate su di un supporto, che vengono spinte a ruotare grazie ad un motore. La rotazione delle pale muove una certa quantità d'aria, a seconda della velocità di rotazione delle pale e della loro ampiezza, che crea una corrente.

Questo flusso d'aria mosso dal ventilatore, produce una corrente fresca e limita la sudorazione del corpo, creando una sensazione di refrigerio.

E' consigliabile posizionare il ventilatore ad una certa distanza dal corpo (almeno un metro) per evitare possibili dolori articolari e muscolari, dirigendo il flusso in più zone della stanza grazie alla funzione "rotazione" anziché direttamente sulla persona. Oppure in alternativa utilizzare i ventilatori da soffitto per una diffusione d'aria a zona più ampia.

Il Condizionatore

Lo scopo di un condizionatore è quello di mantenere un clima interno più fresco agendo su temperatura, umidità e distribuzione dell'aria.

Fondamentalmente il condizionatore è formato da due elementi, uno posizionato all'interno dell'ambiente chiuso che si desidera climatizzare e il secondo posto all'esterno.

Le due unità sono collegate tra loro tramite cavi elettrici e tubi di rame all'interno dei quali circola il gas che viene raffreddato.

In poche parole la parte esterna dell'impianto (chiamata condensante) raffredda l'aria e la indirizza, tramite dei tubi, alla parte all'interna del sistema di condizionamento (chiamata evaporante), la quale la diffonde all'interno dei locali tramite gli split (letteralmente divisi, in inglese), raffreddandoli.

Pro e contro

Il vantaggio maggiore che si ha nell'utilizzare i ventilatori per refrigerare un ambiente, rispetto ad un sistema di climatizzazione, è sul lato economico

Un ventilatore consuma circa 50 watt all'ora, paragonati ai 700 watt che mediamente consuma un condizionatore. Quindi i costi di energia elettrica di un ventilatore sono circa 14 volte inferiori, rispetto ad un impianto di condizionamento.

I risultati non sono sicuramente gli stessi, considerato il fatto che un buon impianto di condizionamento è in grado di abbassare velocemente, stabilmente ed uniformemente la temperature di un'intera abitazione, annullando completamente il caldo e l'umidità eccessiva, mentre un ventilatore produce una sensazione di fresco molto più contenuta e localizzata.

La scelta

In buona sostanza il climatizzatore rimane la miglior soluzione per chi necessita di un elevata quantità di fresco e di un reale abbassamento della temperatura di uno o più locali, soprattutto se vi permane più ore. E proprio dal un punto di vista della durata necessaria, per un momentaneo sollievo nel riciclo di aria - in presenza di caldo non eccessivo - il ventilatore può essere comunque un valido sostituto.

 

---
Written by: Riccardo Penati

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Chiudi