Logitech Crayon, matita digitale

recensione logitech crayon matita digitale per ipad 

Logitech Crayon: la vera matita digitale per tutti gli iPad (confronto con Apple Pencil)

Benvenuti in questa nuova recensione del canale hi-tech di IALLA.it!

Come già preannunciato nella recensione dell’ottima cover-tastiera Logitech Slim Folio Pro, oggi pubblichiamo le nostre impressioni dopo un lungo periodo di prova di un altro prodotto dell’azienda svizzera Logitech che rappresenta una valida alternativa agli accessori Apple originali: la matita digitale Crayon.

Proprio così: quando scriviamo “una valida alternativa” non siamo “buonisti” e lo diciamo sul serio. Continuando a leggere scoprirete il perché nei successivi dettagli, con numerosi riferimenti alle due Pencil di Apple.

Ma iniziamo subito con un opportuno distinguo: chi dovrebbe acquistare questa matita digitale Logitech Crayon rinunciando alla (quasi) fantastica Apple Pencil?

Ecco, togliamoci subito il dubbio amletico: per ragioni esclusivamente tecniche questa matita digitale non è adatta ai disegnatori professionisti e a quegli artisti che necessitano della sensibilità alla pressione. Ciò perché fisicamente questa matita non possiede il componente elettronico a ciò destinato; si tratta quindi di una mancanza tecnica non legata alla qualità del prodotto. Probabilmente Logitech ha operato questa scelta per evitare una sovrapposizione di mercato (leggi: troppa concorrenza) con l’analogo prodotto Apple.

 

 

Una volta sottolineata questa limitazione tecnica (era doveroso farlo), la risposta alla precedente domanda “Chi dovrebbe acquistare questa matita digitale Logitech Crayon” arriva molto semplice e chiara: praticamente va benissimo per tutti gli altri utilizzatori!

In effetti, provando a motivare questa risposta apparentemente un po’ azzardata, scopriamo che le limitazioni di questa matita digitale (modulo di pressione a parte) sono davvero poche e dipendono strettamente dall’uso che ne si fa.

logitech crayon vista frontale

Per comprendere meglio le sue ottime caratteristiche paragoniamola con gli analoghi prodotti della Mela (che, per inciso, costano mediamente il doppio).

Rispetto alla Apple Pencil di prima generazione la Crayon ha due enormi vantaggi principali:

  • Il sistema di ricarica. La matita Logitech è dotata di un cappuccio in silicone che nasconde l’ingresso Lightning: innanzitutto il cappuccio è attaccato al corpo della matita e quindi non si rischia di perdere questa importante protezione (come invece avviene con la Pencil di Apple). Inoltre, la ricarica può avvenire direttamente con i cavo lightning dell’iPad (o dell’iPhone), senza bisogno di adattatori, grazie all’ingresso Lightning di tipo “femmina”. Nessuna rischiosa acrobazia né inserimenti strani per ricaricarla!
  • Fattore di forma: grazie alla sua forma appiattita la Crayon non rotola via! Può sembrare banale ma… avete mai provato ad usare la Pencil (di prima generazione) in mobilità? Basta poggiare la matita di Apple su un tavolo liscio e/o leggermente inclinato per vederla rotolare via in un batter d’occhio!

logitech crayon vista ingresso ricarica lightning

Con la Pencil di seconda generazione Apple è corsa ai ripari ovviando ai due “strafalcioni” di progettazione appena elencati. Ma, secondo noi, ci sono ulteriori vantaggi a favore della Logitech Crayon:

  • Puoi spegnerla in caso di inutilizzo attraverso il suo apposito interruttore. Al contrario, la Apple Pencil di prima generazione non possiede alcun interruttore e quella di seconda generazione viene messa costantemente in ricarica ogniqualvolta la si posiziona nel suo alloggiamento (magnetico) sul bordo superiore di iPad Pro, che non è proprio il massimo per la vita della sua batteria interna.
  • Il corpo della matita Crayon è in allumino e ciò la rende molto più robusta e resistente rispetto ad entrambe le versioni della Pencil di Apple. Questa caratteristica la rende particolarmente consigliata nel caso di utilizzo da parte di bambini, ma non solo: in borsa, in treno, nei cantieri, al parco, ecc. una dose extra di robustezza non guasta mai.
  • Compatibilità. Ebbene sì, finalmente abbiamo un prodotto che è compatibile con tutti gli iPad di ultima generazione (2018 e successivi)! La Apple Pencil di prima generazione è compatibile solo con l’iPad 2018 (e i vecchi iPad Pro 9.7 e 10.5 naturalmente), mentre la nuova Pencil di seconda generazione è compatibile solo con iPad Pro 11 e iPad Pro 12.9 di terza generazione. Invece, la matita Logitech Crayon mette d’accordo tutti, spendendo la metà!

    Ecco la lista dei nuovi iPad compatibili con Logitech Crayon*:

    • iPad Pro da 12,9" (3a generazione)
      Codici modelli: A1876, A2014, A1895, A1983
    • iPad Pro da 11 pollici
      Codici modelli: A1980, A2013, A1934, A1979
    • iPad Air (3a generazione)
      Codici modelli: A2152, A2123, A2153, A2154
    • iPad mini (5a generazione)
      Codici modelli: A2133, A2124, A2126, A2125
    • iPad (6a generazione)
      Codici modelli: A1893, A1954

    *Tutti i modelli di iPad devono essere aggiornati a iOS 12.2 e versioni successive

PROVA SUL CAMPO

Dopo un dettagliato confronto tecnico sulle caratteristiche, decisamente a favore della matita digitale Logitech, veniamo alla prova di utilizzo effettivo.

L’impressione che si ha appena presa in mano è effettivamente di solidità, grazie alla struttura principale in allumino, pur rimanendo piuttosto leggera: solo 20 grammi. Logitech dichiara una resistenza alle cadute da ben 1,2 metri, ma non ce la siamo sentita di portare avanti anche questo test. Nel caso dovesse accadere (accidentalmente, non di proposito!) aggiorneremo la recensione. Con una altezza di 163 mm, larghezza 12 mm e spessore di 8 mm, le dimensioni della Logitech Crayon sono quasi identiche alla Apple Pencil di 2a generazione (quest'ultima rispettivamente lunga 166 mm, con diametro 8,9 mm e peso 20,7 grammi), eccettuato naturalmente il fatto che la Crayon è piatta e la Pencil 2 è (quasi) tonda.

 

 

Il pieno supporto della tecnologia Palm rejection permette di scrivere e di disegnare senza alcun problema, dato che possiamo appoggiare tranquillamente il palmo sullo schermo mentre scriviamo o disegniamo, con un posizionamento naturale della mano mentre si usa Logitech Crayon.

Inclinando la matita, Logitech Crayon regola dinamicamente lo spessore della linea in base all'angolo di inclinazione, tracciando una linea più sottile (matita in verticale) o più spessa (matita inclinata). Qui c’è il vero (e unico) punto di differenza con la Apple Pencil: la matita Logitech non supporta la sensibilità alla pressione.

logitech crayon vista dettaglio interruttore led accensione

In un'altra recensione ho comunque definito la matita Logitech Crayon come “cugina” della Apple Pencil… In effetti, il funzionamento della Crayon si basa sulla tecnologia Apple Pencil (basti guardarne la punta: notate qualche somiglianza con la Pencil di Apple? Spoiler: sono uguali!) e ciò offre la garanzia di ottime prestazioni ma soprattutto consente di accedere a centinaia di applicazioni sviluppate con supporto alla Apple Pencil. E, anche questo, è un vantaggio davvero enorme dato che la reale utilità della una matita digitale è definita dall’uso che ne facciamo e quindi (in buona sostanza) dall’applicazione che usiamo sul nostro iPad.

logitech crayon vista punta

Una volta effettuata la prima (brevissima) associazione, è sufficiente premere il pulsante di accensione e iniziare a scrivere o disegnare sull'iPad. La matita Logitech Crayon si connette all'iPad in un secondo (letteralmente), senza ulteriori ritardi. Una volta finito il nostro lavoro possiamo spegnerla premendo sul medesimo pulsante per circa un secondo, senza sprecare neanche una goccia di carica. In caso di dimenticanza, la Crayon si spegne automaticamente dopo 30 minuti di inutilizzo. Non male: le costose cugine Apple non lo fanno neanche lontanamente.

La durata massima (dichiarata) della batteria è 7 ore e mezza di scrittura con una sola carica: la resa effettiva che abbiamo riscontrato non è molto distante, ma purtroppo non è tecnicamente possibile verificarne la carica residua in modo preciso (le Pencil di Apple invece ci informano dell’effettiva carica disponibile attraverso l’apposito widget). Però, su questa mancanza ci viene in aiuto il led di accensione che si mostrerà di colore verde con batteria oltre il 10%, di colore rosso con batteria sotto il 10% e, infine, rosso lampeggiante se la carica residua scende sotto il 5%.   

In ogni caso, quando la batteria è quasi scarica, una ricarica di soli 2 minuti garantisce fino a mezz’ora di scrittura, quindi risulta davvero difficile rimanere “a secco”.

Altra nota positiva è la punta intercambiabile. In caso di danneggiamento (caduta o usura) è possibile acquistare separatamente punte di ricambio per Logitech Crayon. Logitech dichiara che anche il copripunta e il cappuccio di ricambio saranno presto disponibili per l'acquisto separato.

CONCLUSIONI

Punti di forza

  • forma appiattita che non rotola via
  • realizzazione robusta in alluminio con resistenza alla caduta fino a 1,2m di altezza
  • cappuccio integrato impossibile da perdere
  • sistema di ricarica lightning senza acrobazie o pericoli
  • interruttore di accensione/spegnimento
  • supporto alla tecnologia Palm Rejection
  • compatibilità con tutte le principali applicazioni che supportano la Apple Pencil
  • compatibilità con TUTTI gli iPad di ultima generazione (normali e PRO)
  • prezzo

Punti di debolezza

  • mancanza del modulo di sensibilità alla pressione (necessario SOLO per professionisti disegnatori)
  • mancanza dell'indicazione precisa della carica residua della batteria
  • unica colorazione disponibile: alluminio/arancione (questione di gusti)

Abbiamo trovato Crayon un valido alleato per tracciare schizzi o progetti, scrivere o anche come semplice sistema di puntamento alternativo alle nostre dita nell'utilizzo normale di iPad. Abbiamo anche provato a dare spazio alla nostra (moderata!) creatività con alcune delle numerose app che supportano Apple Pencil (Ligthroom, Notability, Evernote, OneNote, ecc.) e questa matita si è sempre comportata egregiamente.

I pregi sono numerosi, così come vantaggi rispetto ad entrambe le Apple Pencil (in particolare quella di prima generazione) soprattutto se ne consideriamo il prezzo di acquisto: circa 70€ contro 99€ della Pencil “1” e 135€ della Pencil di seconda generazione (quest'ultima peraltro compatibile esclusivamente con la terza generazione di iPad Pro). Riprendendo la doverosa premessa iniziale relativamente alla mancanza tecnica del modulo che rende questa matita digitale sensibile alla pressione, in tutti gli altri casi di utilizzo ove la “pressione” non è necessaria ci sentiamo di consigliarla senza alcun minimo dubbio: le caratteristiche di compatibilità, robustezza, la forma, l’interruttore di accensione/spegnimento e, non ultimo, il prezzo notevolmente più basso, ne fanno davvero un best buy!

Per acquistarla online e godere anche voi di questo piccolo concentato tecnologico, ecco il link ad Amazon! ;-D

 

 

Alla prossima recensione!

Galleria fotografica più giù nella pagina

---
Written by: Paride Tumeo

 

Acquista Logitech Crayon matita digitale per iPad su Amazon

 

Articoli correlati (da tag)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Chiudi